Tris di sagre in provincia di Genova

6 Maggio, 2014 di Volia1euro.it

Tris di sagre in provincia di Genova

La cucina ligure è tra le più apprezzate di Italia, grazie ai suoi piatti di mare e terra che rispecchiano in pieno la doppia anima della regione.

Famosa per il pesto, diffuso ormai in tutta Italia, la Liguria vanta diversi piatti tipici, tutti di tradizione secolare.

Noi vi proponiamo tre eventi da non perdere per gustare la ghiotta cucina di questa regione e assaporare prodotti di ottima fattura ma meno famosi rispetto al pesto classico.

Si inizia con la Sagra del Pesce di Camogli domenica 11 maggio. La leggenda vuole che la manifestazione sia nata per caso durante la celebrazione, nel maggio del 1952, della festa di San Fortunato, protettore dei pescatori. In quell’occasione, infatti, si narra che l’avvocato Filippo De Gregori, con alcuni colleghi, decise di attirare l’attenzione dei turisti friggendo il pesce appena pescato e offrendolo in segno di benvenuto. L’iniziativa ebbe molto successo, tanto che i pescatori di Camogli decisero di farne una vera e propria festa paesana. Oggi, la Sagra del Pesce, ha raggiunto la sua 63esima edizione, attirando ogni anno turisti e amanti della cucina locale.

E se amate di più il menù di terra, allora vi consigliamo di prendere parte alla Sagra della Focaccia al formaggio di Sori, sempre in provincia di Genova. L’evento avrà luogo per la prima volta il 17 e il 18 maggio, nella contrada di Sussisa. I balli tradizionali e gli spettacoli di comici locali contribuiranno a trasformare l’evento in una festa.

Infine segnaliamo la Mangialunga di Fontanegli, un percorso enograstronomico lungo circa 5 chilometri, da percorrere degustando i piatti tipici della Liguria. L’evento si terrà il 25 maggio. Il costo del biglietto è di 25 euro a persona (ridotto per i bambini dai 7 ai 12 anni, gratuito per i minori di 6).

Se siete amanti della cucina italiana, vi consigliamo di non perdervi i tre eventi, l’occasione giusta per assaporare piatti della tradizione ligure poco conosciuti.

Commenti Facebook: