Fiumicino in crisi per lo “sciopero bianco” dei facchini Alitalia

5 Agosto, 2014 di Volia1euro.it

Fiumicino sciopero bianco alitalia

Fiumicino è devastata dallo “sciopero bianco” che sta provocando il caos nel settore della consegna bagagli. I facchini Alitalia, gli addetti insomma al trasporto dei bagagli dai gates agli aerei, protestano contro gli esuberi e i numerosi aerei continuano a partire con le stive vuote. Migliaia di valigie sono tuttora abbandonate sulle piste per la protesta dei «facchini», nonostante gli sforzi della compagnia Alitalia che da lunedì ha messo in campo alcune squadre aggiuntive per tentare di smaltire il numero di colli ancora non consegnati o imbarcati.

Da domenica sera sono circa 100 i voli che hanno lasciato a terra i bagagli e oggi, martedì 5 agosto, nello scalo più grande della Capitale, è sbarcato l’Ad e presidente di Etihad, James Hogan, per discutere gli ultimi dettagli sull’accordo con Alitalia. Il numero uno della compagnia emiratina è sceso da un volo Etihad proveniente da Abu Dhabi poco prima delle sette del mattino.

Afferma il Presidente Carlo Rienzi che non è in alcun modo tollerabile mettere in atto simili proteste in un periodo in cui si concentrano le partenze dei viaggiatori per le vacanze estive. Prosegue Rienzi – in tal modo, infatti, si danneggiano unicamente gli utenti, che non hanno alcuna responsabilità circa vertenze sindacali e accordi societari. Informa ancora, che se la situazione non tornerà alla normalità entro poche ore, saranno costretti a presentare una denuncia in Procura per interruzione di pubblico servizio. I passeggeri che, a causa di tale protesta, sono rimasti senza bagaglio e hanno subito danni, compreso quello da ‘vacanza rovinata, possono valutare attraverso il Codacons la fattibilità di un’azione risarcitoria e che in tal senso l’associazione si mette a disposizione dei viaggiatori in partenza dall’aeroporto di Fiumicino.

Commenti Facebook: