In viaggio attraverso la barriera corallina australiana

In viaggio attraverso la barriera corallina australiana

La Grande Barriera Corallina Australiana è sicuramente uno dei posti del globo terrestre più affascinanti ed uno dei migliori esempi della bontà della natura.

Ogni anno attrae milioni di visitatori e sub per la sua straordinaria bellezza.

Tecnicamente è una formazione tipica oceanica formata da scheletri, formazioni rocciose e polipoidi.

In prossimità è’ possibile vedere da vicino coralli, diversi tipi di pesci pesci e le caratteristiche tartarughe marine. Si trova nel Queensland, in Australia, dove lo snorkeling è ovviamente una delle attività più praticate grazie al clima tropicale e la trasparenza delle sue acque.

E’ la più grande del mondo e si estende in un’area di circa 350000Kmq ed è di formazione antichissima, probabilmente 500 milioni di anni fa.

Tra le 2000 isole disponibili quelle per i visitatori sono solo 20 per ragioni di sicurezza.

E’ opportuno ricordare che nel 1981 la barriera corallina è stata dichiarata patrimonio dell’UNESCO.
La barriera si raggiune tranquillamente dalla cittadina di Cairns che collega perfettamente alle isole Fitzoy e Green.

Le due isole non hanno un’estensione importante ma è possibile vedere pesci e coralli dai colori sgargianti, oltre a camminare piacevolmente nella foresta tropicale.

Non solo da Cairns si possono raggiungere le isole della barriera corallina.

Per esempio da Port Douglas, a 75 km da Cairns in bus, è possibile acquistare un biglietto per le crociere giornaliere direzione Low Islands, meraviglioso blocco corallino intorno ad una suggestiva laguna e dominato da un vecchio faro.

Le imbarcazioni con i pavimenti trasparenti permettono anche di vedere dove la tartarughe depositano le uova, oltre ad una svariata serie di pesci tropicali.

Se ci si avventura più a sud si può raggiungere le seguenti isole con una nave da Shute Harbur: per esempio S.Molle, Long Island, Daydream Island e Hayman.

Altra isola di rara bellezza è Heron Island, raggiungibile in nave da Gladstone e nella quale è possibile osservare attentamente la barriera.

Commenti Facebook: