Turista nello Stato Russia – Ecco cosa vedere

Ecco cosa non perdersi durante un viaggio in Russia

turista-russia-cosa-vedere

Difficile parlare di cosa vedere in Russia, un Paese che da solo costituisce circa l’11 per cento delle terre emerse del pianeta Terra. Ma per noi italiani la cosa si fa decisamente più semplice, in quanto tutti i voli diretti in partenza dall’Italia arrivano a Mosca o a San Pietroburgo, che non a caso sono le due città più belle e importanti del paese.

Si inizia da San Pietroburgo, l’ex Leningrado, una città di circa 5 milioni di abitanti affacciata sul mar Baltico e circondata dall’Unione Europea: Finlandia da una parte ed Estonia dall’altra la circondano e le influenze sono molteplici e reciproche: è senz’altro la città più europea della Russia, ma mantiene anche le sue splendide tradizioni e i suoi patrimoni artistici inestimabili, a partire dal museo dell’Hermitage, dalla Cattedrale di Sant’Isacco e dalla Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato, passando per la famosa Prospettiva Nevskij, la strada principale e più frequentata della città.

Da San Pietroburgo si giunge a Mosca, in treno (circa 6 ore) o in aereo (poco meno di un’ora). La capitale russa è una megalopoli cosmopolita che detiene il record di abitanti milionari, ma è anche una città dai numerosi contrasti: le periferie rimandano al triste periodo sovietico, mentre le sfarzose strade del centro sono piene di negozi di lusso. Il centro di Mosca è rappresentato ovviamente dalla Piazza Rossa, un capolavoro di arte e architettura, delimitato dai magazzini Gym, dal muro ovest del Cremlino e dall’iconica Cattedrale di San Basilio, costruita nel 1551 e divenuta il simbolo di Mosca e per estensione di tutta la Russia. Il mausoleo di Lenin, a pochi metri di distanza, ci ricorda il passato recente della città.

Una visita orientativa in Russia potrebbe terminare così: sia Mosca che San Pietroburgo sono città enormi e si meritano almeno tre giorni ciascuna, considerando un giorno di viaggio ecco che una settimana di vacanza se n’è già andata. Ma volendo si possono abbinare gli splendidi palazzi dei dintorni, che rimandano al periodo zarista, oppure addentrarsi per la fredda Siberia, o ancora intraprendere l’emozione del viaggio con la ferrovia transiberiana, magari fermandosi a Kazan o al confine Europa-Asia di Ekaterinburg… le esperienze da fare sono praticamente infinite, nel Paese più esteso del mondo.

Commenti Facebook: