Sirenetta di Copenhagen – i monumenti di Copenhagen

La Sirenetta di Copenhagen è il monumento più iconico della bella capitale danese

sirenetta-copenhagen

La Sirenetta di Copenhagen, simbolo della città, è una scultura in bronzo alta poco più di un metro, e situata ll’ingresso del porto della capitale danese. La creatura metà donna e metà pesce è la protagonista della fiaba “La sirenetta” di Hans Christian Andersen, lo scrittore danese in assoluto più famoso al mondo.

L’origine della statua è del secolo scorso: fu commissionata nel 1909 da Carl Jacobsen, il quale rimase affascinato talmente tanto dalla fiaba di Andersen che decise di regalare alla città una rappresentazione della Sirenetta, che venne ultimata 4 anni dopo, nel 1913. Lo scultore fu Edward Eriksen, il quale utilizzò sua moglie come modella.

La Sirenetta di Copenhagen è stata spesso vittima di atti vandalici, il primo dei quali avvenne nel 1964 quando alcuni artisti situazionisti danesi tagliarono la testa alla statua per protesta. Non venne mai più ritrovata, e fu sostituita con una copia. Venti anni dopo, nel 1984, fu il braccio destro ad essere rimosso, ma venne riconsegnato dai vandali soltanto due giorni dopo. Nel 1990 un tentativo andato male di vandalismo provocò un taglio di quasi 20 centimetri al collo della Sirenetta, da lì in poi fu deciso di rimpiazzarla con una scultura identica ma costruita in un unico blocco di metallo. Nel 1998 la testa fu rimossa di nuovo e poi riconsegnata e risistemata. Non contenti, i vandali degli ultimi 100 anni l’hanno più volte imbrattata di vernice e addirittura sradicata dal suo supporto roccioso l’11 settembre 2003.

Nel mondo ci sono diverse statue di Sirenetta: una copia di quella di Copenhagen si trova in California, mentre alcune somiglianze si possono trovare con quella di Napier in Nuova Zelanda, con quella di Hat Samila in Thailandia e anche con quella di Lacco Ameno di Ischia, una scultura bronzea installata su un’aiuola del lungomare del paese.

 

Commenti Facebook: