Il Cremlino di Mosca – i monumenti di Mosca

cremlino-mosca-guida-turistica

Il Cremlino di Mosca si trova nel centro della capitale russa, sulla riva sinistra del fiume Moscova. E’ la parte più antica di Mosca ed è oggi sede delle istituzioni russe e uno dei più importanti complessi artistici e storici della nazione. La parte occidentale del Cremlino è circondata dai Giardini di Alessandro, uno dei primi parchi di Mosca.

Il Cremlino nacque come fortificazione sulla collina Borovickij attorno al 1100, e sin dal 1264 diviene la residenza dei principi di Mosca. Nei secoli successivi il territorio del Cremlino si allargò grazie a recinti di tronchi di quercia, che nel 1367 vennero sostituiti da mura e torri di pietra. Durante la seconda metà del XV secolo l’intero Cremlino viene ricostruito, e il suo fulcro divenne la Piazza delle Cattedrali, una splendida piazza sulla quale si affacciano ben tre chiese ortodosse. Con l’avvento dell’Unione Sovietica il Cremlino divenne uno dei simboli della Russia e del comunismo: nel 1955 il Cremlino venne aperto ai visitatori e nel 1960 venne costruito il Palazzo dei congressi del Cremlino. Nel 1990 l’UNESCO ha dichiarato la struttura patrimonio dell’umanità.

All’interno del Cremlino spicca senz’altro il Gran Palazzo, la residenza ufficiale del Presidente russo. E’ un importante elemento architettonico dell’inter struttura e risale ai primi anni del 1800. Sin dalla sua costruzione il Gran Palazzo servì come residenza cittadina principale dello Zar e della sua famiglia. L’edificio centrale è il più rappresentativo sebbene sia relativamente semplice: la sua facciata principale si sviluppa parallela al fiume Moscova, e sul cupolino sventola la bandiera nazionale. Sulla facciata dell’edificio ci sono tre file di finestre e nel complesso la facciata principale risulta abbastanza monotona. Questo fatto fu anche la principale critica mossa al progettista Konstantin Thon. Ma per contro, gli interni sono magnificamente decorati, e sono stati ristrutturati meno di venti anni fa, riportandoli allo splendore originario. Gli ornamenti sono di vari stili, la maggior parte di essi concepiti dagli architetti Fjodor Richter e Nikolai Tschitschagow. Per effettuare le decorazioni furono convocati i più famosi pittori e scultori dell’epoca e oggi si possono ammirare lampadari di cristallo, porcellane finissime, orologi e molti altri oggetti preparati nelle più prestigiose officine di Russia.

Commenti Facebook: