Il Burj Al Arab di Dubai – i monumenti di Dubai

Il Burj Al Arab è l'icona di Dubai nel mondo, lusso sfrenato per l'unico albergo a 7 stelle del pianeta.

burj-al-arab-monumenti-dubai

Il Burj al Arab è uno degli alberghi più lussuosi al mondo, e si trova a Jumeirah Beach, a sud di Dubai. L’albergo è stato costruito su di un’isola artificiale collegata alla terraferma da un ponte di 280 metri, ed ha una magnifica forma a vela. La costruzione del Burj al Arab ebbe inizio nel 1994 e si concluse nel 1999; i lavori sono costati oltre 650 milioni di dollari.

L’albergo, che si è auto dotato di 7 stelle (benchè gliene siano state riconosciute ufficialmente soltanto cinque) è alto ben 321 metri di altezza ed è uno degli alberghi più alti del mondo. Il Burj al Arab grazie alla sua altezza è diventata una meta ideale per gli appassionati di deltaplano che possono regalarsi un volo in una cornice unica e indimenticabile. Al suo interno ci sono 202 suite, la più piccola è di 170 metri quadri e la più grande di 780 metri quadri. Le stanze offrono tutti i comfort e costano da 600 a 9000 euro a notte. All’interno dell’albergo si trovano anche una boutique e tre ristoranti di cui uno sottomarino ed uno all’ultimo piano con vista sul golfo di Dubai. Poco distante dal Burj al Arab sorge il Wild Wadi Park, uno dei parchi acquatici più grandi al mondo.

La storia del Burj al Arab, sebbene molto recente, è già ricca di eventi unici al mondo: nel febbraio 2005 venne organizzato un incontro amichevole tra Andre Agassi e Roger Federer sul campo da tennis che fu allestito per l’occasione sull’eliporto dell’albergo, che si trova a 211 metri di altezza sul mare. Soltanto l’anno dopo Naomi Cambell affittò 90 stanze per la sua festa di compleanno. Nella cultura popolare è già diventato un’icona del lusso mondiale, è stato ritratto da artisti e usato da registi e scrittori per dare una cornice ai loro romanzi d’azione. E’ anche presente all’interno del videogioco Call of Duty: Modern Warfare 3 nonostante sia stato rinominato in Hotel Oasis.

Commenti Facebook: