Il Monumento agli Eroi del Popolo di Pechino – i monumenti di Pechino

Il Monumento agli Eroi del Popolo è uno dei principali monumenti di Piazza Tienanmen, nel centro di Pechino.

monumento-eroi-popolo-pechino

Il Monumento agli Eroi del Popolo si trova al centro di Piazza Tiananmen, a nord del mausoleo del presidente Mao Tse Tung.

463 metri a sud da Tiananmen, e 440 metri a nord dalla Zhengyangmen, esso coincide con l’asse centrale sud-nord. Il 30 settembre del 1949, il consulente politico popolare propose l’idea di costruire un monumento a Pechino, la capitale della Cina, per commemorare gli eroi della moderna storia cinese.

Alle 06:00 dello stesso giorno, si svolse la cerimonia di inaugurazione, in cui i delegati guidati da Mao Tse Tung, il Presidente del Partito comunista cinese dal 1943 e il Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese dal 1945 al 1976, prepararono il terreno e posero la prima pietra del monumento.

La costruzione del monumento è stata poi avviata il 1° agosto 1952 e completata il 22 aprile 1958. Il 1° maggio del 1958, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione.

Il Monumento agli Eroi del Popolo di Pechino è una struttura quadrata, che copre una superficie di 3.000 metri quadrati. Si compone di tre parti; il corpo, la base in stile buddista, e il piedistallo, alto 37.94 metri. Su un lato dell’opera si nota la scritta “Gloria eterna agli eroi del popolo!” che riprende la calligrafia di Mao Tse Tung.

Sul retro del monumento vi è un epitaffio, composto da Mao Tse Tung e scritto da Zhou Enlai: “Eterna gloria agli eroi del popolo che hanno perso la vita nella guerra di liberazione del popolo e nella rivoluzione popolare nei tre anni trascorsi! Eterna gloria agli eroi del popolo che hanno perso la vita nella guerra di liberazione del popolo e nella rivoluzione popolare nei trent’anni trascorsi! Eterna gloria agli eroi del popolo che dal 1840 hanno perso la vita in molte battaglie contro nemici interni e stranieri e per l’indipendenza nazionale e la libertà ed il benessere del popolo!”.

Commenti Facebook: