Mausoleo di Mao Tse-tung di Pechino – i monumenti di Pechino

La tomba di Mao Tse Tung a Pechino è uno dei monumenti più famosi della città, situata nel cuore di Piazza Tienanmen

mausoleo-mao-tse-tung

Il Memorial Hall di Mao Tse Tung, comunemente conosciuto come il Mausoleo di Mao Tse Tung, è l’ultima dimora di Mao, presidente del Politburo del Partito comunista cinese dal 1943 e presidente del Partito comunista cinese dal 1945 fino alla sua morte avvenuta nel 1976.

La costruzione del mausoleo iniziò poco dopo la sua morte: due piani supportati da 44 colonne ottagonali realizzate con il granito. Eretto in poco tempo, fu realizzato in soli dieci mesi grazie a ben 700.000 volontari che utilizzarono materiali provenienti da tutto il Paese.

Anche se Mao avrebbe voluto essere cremato, il suo corpo fu conservato per essere omaggiato dai posteri. Per l’imbalsamazione del corpo del leader cinese vennero impiegati 22 litri di formaldeide. Questa attrazione molto popolare in Cina si trova nel bel mezzo di Piazza Tiananmen a Pechino, la capitale del paese.

Il mausoleo è stato costruito subito dopo la morte di Mao, avvenuta il 9 settembre 1976. La cerimonia dell’avvio dei lavori si è svolta 24 Novembre 1976 ed è stato completato il 24 maggio 1977. La dimensione della piazza e degli edifici circostanti, come la Grande Sala del Popolo e il Museo Nazionale, che la fiancheggiano, rendono il mausoleo molto più piccolo di quello che effettivamente è.

Di fronte alla sala, ci sono due sculture a simboleggiare l’unità del popolo e l’esercito che combatte per il comunismo. Le sculture a nord del Mausoleo di Mao Tse Tung raffigurano le scene della Rivoluzione e alcuni dei grandi successi del popolo cinese sotto la guida del presidente Mao e, così facendo, presentano un’interpretazione del realismo socialista e della lotta nazionale, rappresentati anche dal vicino monumento dedicato agli Eroi del popolo.

Il presidente Mao è in stato “dormiente” in una bara di cristallo nella sala principale, circondato da tanti fiori. L’ingresso per visitare il “luogo sacro” è gratuito, ma bisogna esibire il passaporto ed avere un atteggiamento rispettoso.

Commenti Facebook: