Mausoleo di Lenin di Mosca – i monumenti di Mosca

Impossibile non notare in giro per la Piazza Rossa il Mausoleo di Lenin, al cui interno sono contenute le esequie del celebre statista.

mausoleo-lenin-mosca

Il mausoleo di Lenin, noto anche come la tomba di Lenin, si trova nella Piazza Rossa al centro di Mosca, ed è il luogo di riposo del rivoluzionario sovietico.

Il suo corpo è stato esposto al pubblico già da poco dopo la sua morte nel 1924, con rare eccezioni in tempo di guerra. Per la sepoltura del padre della rivoluzione fu organizzato qualcosa di speciale: subito dopo la sua morte fu eretto un mausoleo di legno sulla famosa piazza moscovita. Nel 1929, l’architetto Aleksei Shchusev fu incaricato di progettare una casa più duratura e degna. Il risultato, presentato un anno dopo, è una piramide tozza ma affascinante, realizzata in strati di granito rosso, grigio e nero che si armonizza molto bene con gli edifici del Cremlino dietro di esso, nonostante le sue chiare influenze costruttiviste.

Nel 1930, sono state aggiunte delle piattaforme di granito intorno ai lati del mausoleo, fornendo un valido punto per i funzionari governativi per ispezionare le parate – uno spettacolo che è diventato famoso in tutto il mondo in epoca sovietica.

C’è da dire che il mausoleo è relativamente piccolo visto dall’esterno ma ha delle profondità nascoste. Ci sono due piani interni che ospitavano una zona di riposo per i VIP e le guardie del Cremlino, e il laboratorio che un tempo era utilizzato per supervisionare il processo di imbalsamazione in corso. Oggi, se si desidera vedere il corpo di Lenin, il processo risulta tutt’altro che semplice: prima di tutto bisogna lasciare borse e macchine fotografiche – non sono permesse le riprese all’interno, poi si entra nella coda che costeggia le mura del Cremlino.

I visitatori possono visitarla “di passaggio”, in modo di arrivare a spendere solo qualche minuto all’interno del mausoleo. La camera funeraria è molto scura e, nelle giornate di sole, il contrasto improvviso con la luce esterna può essere sconcertante.

Commenti Facebook: